Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Riflettori puntati sulla responsabilità - novembre 2022

2 months ago
Roundel Responsible Spotlight

COP27: svolta sulle compensazioni; sconfitta sulle emissioni

I difficili negoziati della COP27 in Egitto hanno prodotto un accordo epocale. In base a quanto pattuito, i paesi vulnerabili dovrebbero essere compensati per i gravi danni causati dal cambiamento climatico. Secondo il nuovo accordo quadro, i paesi più ricchi finanzieranno un fondo “perdite e danni”, al quale potranno attingere i paesi più poveri che subiscono alcuni dei peggiori effetti del cambiamento climatico. In tal modo si potranno aiutare le piccole isole la cui stessa esistenza è posta a rischio dall’innalzamento del livello del mare o i paesi che devono affrontare eventi meteorologici più gravi.

Chi paga?

Si spera che il nuovo fondo sarà lanciato nel corso del 2023. Restano da definire i dettagli chiave come, per esempio, chi esattamente pagherà il conto e quali paesi saranno definiti vulnerabili. Un punto critico di divergenza riguarda la Cina, attualmente il più grande inquinatore di carbonio al mondo, a cui i paesi sviluppati chiedono di pagare il conto.

Nessun divieto di utilizzo dei combustibili fossili

Nonostante questo storico accordo, molti ricorderanno la COP27 per i mancati progressi sul fronte del contrasto alle cause del riscaldamento globale. L’India ha promosso un piano per porre fine all’uso di tutti i combustibili fossili, ma è stata bloccata dalla forte opposizione dei produttori di petrolio come l’Arabia Saudita e la Russia.  

Difendere il tetto di 1,5° C

Gli scienziati hanno ammonito per il forte ritardo accumulato nel perseguire l’obiettivo di contenere il riscaldamento globale entro 1,5° C. Per centrare il bersaglio dell’azzeramento delle emissioni nette entro il 2050, dovremmo attuare un taglio del 45% entro il 2030.  L’appuntamento è rinviato alla COP28 in programma il prossimo anno a Dubai. Per non mancare il traguardo del tetto a 1,5° C fissato all’Accordo di Parigi, i paesi potrebbero anche essere chiamati ad attuare tagli più ambiziosi delle emissioni.

Roundel 1

Il punto di vista di Architas

Quest’anno, il comunicato della Conferenza ha messo al centro i rimedi ai danni passati, anziché le soluzioni per contenere i danni futuri. È positiva, tuttavia, la crescente disponibilità dei paesi sviluppati a dimostrarsi solidali nei confronti dei paesi in via di sviluppo sulle questioni climatiche. Le domande fondamentali sono: chi esattamente potrà ricevere i finanziamenti e chi invece vi contribuirà e in quale misura. Si spera comunque di assistere, nei prossimi anni, a una maggiore cooperazione tra i paesi più ricchi e quelli più poveri, nel tentativo di combattere il riscaldamento globale.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.