Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Close Look: Ottobre 2022

one month ago

CLOSE LOOK
Attivi alternativi: che cosa c’è da sapere?

Quando la situazione diventa ostica sui mercati finanziari, è ragionevole disporre di una gamma diversificata di asset. Storicamente le condizioni di mercato possono consentire a una classe di attività di resistere in momenti nei quali un'altra è in difficoltà. Ma i giorni del portafoglio tradizionale, suddiviso solo tra azioni e obbligazioni, stanno per finire. Gli asset alternativi, che non sono né azioni né obbligazioni, hanno acquisito una popolarità sempre crescente come strumento di diversificazione. Esaminiamo in dettaglio gli asset alternativi per comprendere che cosa sono e che cosa possono offrire.

Che cosa rende diversi o utili gli asset alternativi come classe d'investimento? Il concetto esprime un vero e proprio ombrello, che copre una gamma di beni una gamma ampia e diversificata. Può trattarsi sia di beni fisici sia di immobili, dipinti, gioielli o oro. Il termine comprende anche beni come leasing di aeromobili, piantagioni di pini, gestione di esplorazioni petrolifere, grandi magazzini o beni infrastrutturali, come i ponti.

L'obiettivo è trovare asset solidi e ben gestiti, con rendimenti prevedibili, che possano seguire un percorso costante in termini di performance. Le classi di asset più esoteriche possono essere altrettanto valide, anche se richiedono una ricerca esperta per capire come potrebbero comportarsi in determinate condizioni di mercato. Ad esempio, i fondi a rendimento assoluto mirano a smussare i rendimenti nel tempo, con l'obiettivo di preservare il capitale. All’elenco può anche essere aggiunti il private equity.

Alcuni gestori patrimoniali hanno addirittura sostenuto che le criptovalute rappresentano l'asset diversificante per eccellenza. Sono state considerate una copertura contro l'inflazione più affidabile dell'oro, anche se con una qualità della "variabilità del rischio" simile a quella delle azioni. Purtroppo, all'inizio dell'anno i mercati delle criptovalute si sono rivelati un rifugio per gli investitori speculativi e non hanno realizzato questo potenziale. Tuttavia, a lungo termine, la storia potrebbe ancora evolversi.

Gli asset alternativi, o "alt", sono stati storicamente appannaggio degli investitori istituzionali: si pensa che gli istituti statunitensi detengano il 30-50% del loro patrimonio in questa categoria. Attualmente il mercato statunitense sta esercitando pressioni volte ad ampliare l'interesse degli investitori individuali più sofisticati. Ma nel 2022 i timori per l'impennata dell'inflazione e l'aumento dei tassi di interesse hanno colpito non solo le azioni e le obbligazioni, ma anche gli asset alternativi. Si direbbe che l'investimento diversificato più affidabile sia stato il caro, vecchio contante, con il dollaro USA in cima alla lista.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.