Skip to main content Skip to site footer

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Close Look: Agosto 2022

3 months ago

CLOSE LOOK
Stagflazione: cosa c’è da sapere?

In cima alla lista delle preoccupazioni del mercato a metà anno c'era il rischio di stagflazione. Con l'inflazione che raggiunge i massimi pluridecennale e gli economisti che tagliano le previsioni di crescita del PIL in tutto il mondo, non è difficile capire perché suonino i campanelli d'allarme. Un esempio calzante è l'economia del Regno Unito, dove la crescita è al minimo da 18 mesi e si prevede che l'inflazione supererà il 13% durante l'inverno. Allora, che cos'è questo fenomeno di stagflazione? E perché è vista come una forza negativa così potente dai mercati finanziari?

La risposta è, in sintesi, che la stagflazione racchiude tre aspetti negativi: stagnazione della crescita economica, inflazione dei prezzi e aumento della disoccupazione. È tecnicamente nota come "inflazione-recessione". Il termine si è diffuso per la prima volta negli anni '70 durante un analogo periodo di cupa performance economica. I mercati finanziari soffrono in questa situazione, poiché i mezzi per sfuggirvi non sono ovvi. Ma il controllo dei prezzi è spesso il primo obiettivo.

L'inflazione colpisce la crescita, riducendo il potere d'acquisto dei consumatori. Ma con i consumatori sulla difensiva, la crescita in stallo e la disoccupazione in aumento, è difficile spiegare perché i prezzi continuano a salire. Per questo motivo, molti economisti considerano la stagflazione un'impossibilità logica. Quindi, cosa ha innescato gli episodi di stagflazione visti negli ultimi decenni? In genere, è uno shock esterno ai prezzi delle materie prime, come l'embargo petrolifero dell'OPEC degli anni '70. O anche l'invasione russa dell'Ucraina.

L'obiettivo primario delle banche centrali è contenere l'inflazione, garantendo la "stabilità dei prezzi". C'è stato un duro discorso sui tassi di interesse recentemente da parte della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti e della Banca Centrale Europea. Con un'inflazione di luglio al 6,3%, contro un obiettivo del 2%, la Fed promette "tassi restrittivi" per qualche tempo. Ma può la Fed ignorare l'impatto dei rialzi dei tassi sulla crescita? Durante i periodi di stagflazione, le banche centrali sono in difficoltà. Una politica più rigida affronta solo una parte di un problema a tre facce. E rischia di peggiorare gli altri due aspetti.

I mercati finanziari attendono nervosamente di vedere se alla fine prevarrà il controllo dell'inflazione o la crescita economica. L'umore può oscillare di settimana in settimana, portando a periodi di volatilità. Talvolta 'cattive notizie sono buone notizie', quando l'aumento del rischio di recessione convince i mercati che le politiche aggressive sui tassi di interesse saranno abbandonate. Ciò potrebbe potenzialmente consentire alle valutazioni di decollare nuovamente, anche se i mercati azionari normalmente preferirebbero una forte crescita economica. Nel frattempo, prevale l'incertezza.

We use cookies to give you the best possible experience of our website. If you continue, we'll assume you are happy for your web browser to receive all cookies from our website. See our cookie policy for more information on cookies and how to manage them.